Un libro e il legame con i lettori

Cara lettrice e caro lettore,

questo libro è per voi. “Alzati e corri, direttora” (Mondadori) è il mio romanzo giallo, in libreria dal 2 aprile 2019.

Mi sono divertita a scrivere, a inventare i personaggi, a raccontare la storia e l’ambiente in cui si svolge. C’è Elsa Guidi che dirige un giornale, ci sono i suoi cronisti, la famiglia, una passione forte per la corsa, e poi le città toscane, i fatti, le storie da raccontare.

Capita fra le mani un caso ingarbugliato, poco chiaro. E’ successo qualcosa che il naso della direttora fiuta come una faccenda da approfondire e lo fa insieme con Tommaso Morotti, il bel nerista della redazione.

E’ lì, fra cronaca e intuito, che entrate in gioco voi, lettrici e lettori. Seguite il romanzo e lasciatevi accompagnare nell’indagine. Scoprirete i personaggi con le loro forze e le loro debolezze. Proprio come tutti noi.

Ci sono i belli e i meno belli, i carismatici e quelli che tanto siamo tutti uguali. C’è un po’ di toscanità e il linguaggio, a tratti anche burlone oppure irriverente.

“Alzati e corri, direttora” è un romanzo che ho scritto per dare voce e cuore a un mondo tutto preso dalla quotidianità e che a un certo punto deve fermarsi su un accadimento all’apparenza analogo a molti altri.

Voglio dirvi che inventare storie e scriverle è già di per sé una pratica appagante, diventa per me un privilegio quando si tramuta in libri che possono prendere strada e intrattenere i lettori.

Ecco, lettrice… ecco, lettore…

offrirvi il romanzo è dare il via a un legame, forse a un’altra storia d’amore, pure con i suoi alti e bassi ma con un filo continuo che vorrei ci tenesse uniti per tanto tempo. Il tempo della lettura e di tutte le volte in cui una parola, una frase, un personaggio che ho scritto vi staranno in mente a farvi compagnia.

Ci saranno occasioni per raccontarci di più, voi ed io, in giro a parlare del libro e dei personaggi, sia dal vivo che qui sul sito e sui canali social. Siete sempre i benvenuti.

Grazie,

Silvia

 

foto di Fabio Muzzi

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *